Aspetti tecnici e tecnologici dei veicoli
 

Auto alluvionata 3
1 | 2 |

Davide 29 Mag 2015 09:13
Salutando Antonio e gli altri,riprendo lo
scorso thread sulla mia auto
interamente alluvionata come fosse stata
spinta in fondo al mare.

Nello scarso tempo a mia disposizione
sono riuscito a sostituire tutte le 16
valvole e a ripulire ECU , centralina,
,quadro strumentazione elettronica.

Il problema sono i fasci di cavi attestati
sulla morsettistica.
La mia preoccupazione e' il filo crimpato
sul faston o vari connettori, che essendo
stati sott'acqua , potrebbero avere uno
strato di ossido in mezzo alla crimpatura
(all'interfaccia filo di rame e morsetto).

Avete idee su come togliere quello strato
di ossido senza disaccoppiare il filo dal
connettore ?
Antonio 29 Mag 2015 20:04
Il 29/05/2015 09:13, Davide ha scritto:
> Salutando Antonio e gli altri,riprendo lo
> scorso thread sulla mia auto
> interamente alluvionata come fosse stata
> spinta in fondo al mare.
>
> Nello scarso tempo a mia disposizione
> sono riuscito a sostituire tutte le 16
> valvole e a ripulire ECU , centralina,
> ,quadro strumentazione elettronica.
>
> Il problema sono i fasci di cavi attestati
> sulla morsettistica.
> La mia preoccupazione e' il filo crimpato
> sul faston o vari connettori, che essendo
> stati sott'acqua , potrebbero avere uno
> strato di ossido in mezzo alla crimpatura
> (all'interfaccia filo di rame e morsetto).
>
> Avete idee su come togliere quello strato
> di ossido senza disaccoppiare il filo dal
> connettore ?
>
Se sono crimpati nel punto dove il materiale stringe non credo possa
formarsi dell'ossido. Ad ogni modo sarà bene annegarli con del buon
disossidante. Disaccoppiarli non se ne parla proprio!
Se proprio dovessi trovarne qualcuno marcito si può pensare a una
sostituzione del faston, ma per quel che ho capito sarà difficile che
trovi qualcuno proprio andato.

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 30 Mag 2015 12:21
Il 29/05/2015 20:04, Antonio ha scritto:
> disossidante. Disaccoppiarli non se ne parla proprio!

Esatto,non ci penso proprio.


> Se proprio dovessi trovarne qualcuno marcito si può pensare a una
> sostituzione del faston, ma per quel che ho capito sarà difficile che
> trovi qualcuno proprio andato.
>

Sono connettori di un auto praticamente nuova tuttavia
quello che mi preoccupa e' la riduzione della durata
a causa del bagno,
nel senso che magari funziona tutto ma un bel giorno
non lontano qualche funzionalita' potrebbe venire a
mancare.

E allora sarebbe una tragedia dover rismontare tutto
il cruscotto per andare a localizzare lo sperduto
punto di ossidazione.
Antonio 31 Mag 2015 12:41
Il 30/05/2015 12:21, Davide ha scritto:
> Il 29/05/2015 20:04, Antonio ha scritto:
>> disossidante. Disaccoppiarli non se ne parla proprio!
>
> Esatto,non ci penso proprio.
>
>
>> Se proprio dovessi trovarne qualcuno marcito si può pensare a una
>> sostituzione del faston, ma per quel che ho capito sarà difficile che
>> trovi qualcuno proprio andato.
>>
>
> Sono connettori di un auto praticamente nuova tuttavia
> quello che mi preoccupa e' la riduzione della durata
> a causa del bagno,
> nel senso che magari funziona tutto ma un bel giorno
> non lontano qualche funzionalita' potrebbe venire a
> mancare.
>
> E allora sarebbe una tragedia dover rismontare tutto
> il cruscotto per andare a localizzare lo sperduto
> punto di ossidazione.

E' tutto nel disossidante che usi. Ce ne sono alcuni che lasciano una *******
di "unto" che impedisce ulteriori ossidazioni. Purtroppo è
difficile sapere prima quale sarà il migliore.

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 4 Giu 2015 11:37
Il 31/05/2015 12.41, Antonio ha scritto:
> E' tutto nel disossidante che usi. Ce ne sono alcuni che lasciano una
> ******* di "unto" che impedisce ulteriori ossidazioni. Purtroppo è
> difficile sapere prima quale sarà il migliore.
>


Concordo.
Sto incominciando a dare tensione alle varie
parti dell'impianto.
Il motorino d'avviamento funziona,la centralina
genera le scintille giuste sulle candele.
Il quadro strumenti s'accende (anche se non
capisco perche' la spia del freno a mano,delle
frecce e delle luci non s'accendono).

Il problema e' che la centralina non alimenta
la pompa della benzina che quindi non arriva
al motore.

Stupidamente avevo svuotato dei marchingeni
elettronici tutte le portiere tranne una
pensando si trattasse di circuiti indipendenti.

Ed invece vengo a scoprire che sono collegate
al CAN BUS dell'intera auto persino le portiere.

Una portiera l'ho tralasciata e dentro dev'essere
ancora piena di fango : e' possibile che il Can Bus da
li' blocchi tutti i nodi (centralina motore,ecc)
successivi ?
UoScAr 4 Giu 2015 12:19
Davide <mauro.loiaco@email.it> dice che..



>Una portiera l'ho tralasciata e dentro dev'essere
>ancora piena di fango : e' possibile che il Can Bus da
>li' blocchi tutti i nodi (centralina motore,ecc)
>successivi ?

se è in corto o comunque ad un'impedenza molto bassa, è molto
probabile.


--
UoScAr, Imola, 39, 150+146, 14
Davide 4 Giu 2015 20:47
Il 04/06/2015 12:19, UoScAr ha scritto:
> Davide <mauro.loiaco@email.it> dice che..
>
>
>
>> Una portiera l'ho tralasciata e dentro dev'essere
>> ancora piena di fango : e' possibile che il Can Bus da
>> li' blocchi tutti i nodi (centralina motore,ecc)
>> successivi ?
>
> se è in corto o comunque ad un'impedenza molto bassa, è molto
> probabile.
>
>

Certo che l'idea di un Can Bus che percorre
tutta l'auto e' un enorme rischio
di disservizio per il motore visto che
l'accensione puo' essere compromessa dal
finestrino di una semplice portiera.
UoScAr 4 Giu 2015 22:57
Davide <mauri.loiaco@email.it> dice che..



>Certo che l'idea di un Can Bus che percorre
>tutta l'auto e' un enorme rischio

uhm. fammi pensare. se non erro però ci sono 2 can-bus.. quello dei
servizi non ha a che fare con quello "principale", vitale. magari mi
sbaglio, eh.



--
UoScAr, Imola, 39, 150+146, 14
Davide 5 Giu 2015 20:14
Il 04/06/2015 22:57, UoScAr ha scritto:
> uhm. fammi pensare. se non erro però ci sono 2 can-bus.. quello dei
> servizi non ha a che fare con quello "principale", vitale. magari mi
> sbaglio, eh.
>

Nel Manual service che ho acquistato dall'Inghilterra purtroppo
non ci sono tutti gli schemi ma nei pochi disponibili si vede
che il quadro strumenti e' collegato alla centralina (non alla
ECU che ahime' non c'e' negli schemi) tramite
due linee chiamate "CAN HIGH" e "CAN LOW" ed altre due linee
chiamate "High Bus" e "Low bus" (quest'ultime due linee non e'
che sono la traslazione dei livelli di Can High e can low ?).

Invece il controller della chiusura centralizzata ed il
controller degli alzacristalli sono collegati solo alle
linee "CAN HIGH" e "CAN LOW".

Spero solo che l'apparente blocco del quadro strumenti e
la mancanza di tensione sulla pompa benzina sia dovuto
ad un blocco del Can Bus a causa della portiera che domani
puliro' immediatamente.

p.s. : il ******* e' che se saro' costretto a cambiare
quadro strumenti e centralina (che costano molto poco
su ebay) non sapro' come riprogrammare il pin code
sulla chiave dell'immobilizer :-(
Davide 6 Giu 2015 18:14
Il 04/06/2015 22:57, UoScAr ha scritto:
> uhm. fammi pensare. se non erro però ci sono 2 can-bus.. quello dei
> servizi non ha a che fare con quello "principale", vitale. magari mi
> sbaglio, eh.
>
>

Ho studiato a fondo le centraline ed il quadro
strumenti e la Volkswagen ha avuto la magnifica
idea di progettare l'auto
tenendo tali centraline perennemente alimentate
elettricamente in standby anche quando l'auto e'
spenta.

Quindi, quando l'auto e' stata sommersa, tali
centraline sono annegate in un cocktail di limo
mentre erano alimentate pertanto credo che siano
andate in cortocircuito (eccetto l'ECU del motore
che e' a perfetta tenuta stagna).

Il ******* e' che se cambio quadro strumenti,
cambia il codice in esso memorizzato per
l'immobilizer memorizzato sulla chiave.

Ho visto che c'e' una babele di cavi per
riprogrammare l'immobilizer del quadro
strumenti ma faccio fatica a capire quale
software e' adatto.

Qualcuno ne sa qualcosa ?
Davide 20 Giu 2015 19:36
Il 06/06/2015 18:14, Davide ha scritto:
> Quindi, quando l'auto e' stata sommersa, tali
> centraline sono annegate in un cocktail di limo

Ho cambiato le centraline e' - MIRACOLO !! -
il motore si e' acceso !!!!!

Ora la faticosa "strada" diventa in discesa.

Devo sistemare la centralina abs e gli
altri servizi ******* ma il vero problema
e' come tirare a lucido il motore e gli
interni poiche' per colpa del limo rimangono
patine ovunque nonostante tanti lavaggi.

Ad esempio il f*****e anteriore ha una
patina di limo sulla metallizzazione
interna riflettente.
Siccome la lente e' incollata ed irremovibile
ho riempito il f*****e d'acqua e detersivo ma
il limo fa fatica a venire via.

Conoscete delle sostanze o soluzioni per
rimuoverlo ?
Antonio 21 Giu 2015 20:42
Il 20/06/2015 19:36, Davide ha scritto:
> Il 06/06/2015 18:14, Davide ha scritto:
>> Quindi, quando l'auto e' stata sommersa, tali
>> centraline sono annegate in un cocktail di limo
>
> Ho cambiato le centraline e' - MIRACOLO !! -
> il motore si e' acceso !!!!!
>
> Ora la faticosa "strada" diventa in discesa.
>
> Devo sistemare la centralina abs e gli
> altri servizi ******* ma il vero problema
> e' come tirare a lucido il motore e gli
> interni poiche' per colpa del limo rimangono
> patine ovunque nonostante tanti lavaggi.
>
> Ad esempio il f*****e anteriore ha una
> patina di limo sulla metallizzazione
> interna riflettente.
> Siccome la lente e' incollata ed irremovibile
> ho riempito il f*****e d'acqua e detersivo ma
> il limo fa fatica a venire via.
>
> Conoscete delle sostanze o soluzioni per
> rimuoverlo ?
La stessa cosa che hai fatto aggiungendo una manciata o due di sabbia di
fiume per "grattarlo".
Ottimo, congratulazioni per la perseveranza!
Per gli interni forse si potrebbe usare aria compressa soffiando bene e
spingendo il polverone fuori con dei ventilatori se il limo e la
tappezzeria sono ben secchi, ma siamo su lavori che sai che hanno
funzionato solo dopo che li hai visti funzionare...
Per il motore potresti provare con quella pistola per aria compressa che
ha un serbatoio e la ******* lunga che serviva per lavare i pezzi. Puoi
riempirla di detersivo apposito all'inizio, acqua per sciacquarlo poi,
dopo averla asciugato con aria, passargli petrolio per una passatina
finale leggera. Questa ti permette di dirigere il getto meglio di una
***** ad acqua (per andare bene servirebbe una ... matita ad acqua...).
Per il petrolio c'è da dire:
Occhio che è comunque un combustibile. Dopo averlo passato asciugalo con
aria compressa. Quando accendi il motore prenderà a fumare, quindi
appena vedi che comincia a fumare spegni e aspetta che smetta poi
ricomincia fino a che non lo fa più. Fai l'operazione di asciugatura
all'aria aperta per ovvi motivi.
Il petrolio dovrebbe riuscire a ungere quel tanto da non far comparire
aloni bianchi sul metallo. Se per mezzo litro di petrolio ci aggiungi
qualche goccia di olio va anche meglio (poco, tipo quattro pompate di
oliatore).


--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 22 Giu 2015 08:53
Il 21/06/2015 20.42, Antonio ha scritto:
>> Conoscete delle sostanze o soluzioni per
>> rimuoverlo ?
> La stessa cosa che hai fatto aggiungendo una manciata o due di sabbia di
> fiume per "grattarlo".


Geniale la tua idea, provero'.

> Ottimo, congratulazioni per la perseveranza!


Grazie Antonio!

> Per il motore potresti provare con quella pistola per aria compressa che
> ha un serbatoio e la ******* lunga che serviva per lavare i pezzi. Puoi
> riempirla di detersivo apposito all'inizio, acqua per sciacquarlo poi,
> dopo averla asciugato con aria,


Lo sto facendo Antonio ma vedo che il motore , con appena 3000 km
non torna all'aspetto da nuovo che aveva in origine :-(
Provero' ad aggiungere il petrolio.


> Il petrolio dovrebbe riuscire a ungere quel tanto da non far comparire
> aloni bianchi sul metallo. Se per mezzo litro di petrolio ci aggiungi
> qualche goccia di olio va anche meglio (poco, tipo quattro pompate di
> oliatore).
>


Infatti ho notato anch'io che l'olio e quindi anche il
petrolio tendono a confondere gli aloni.
Davide 22 Giu 2015 10:56
Il 21/06/2015 20.42, Antonio ha scritto:
> dopo averla asciugato con aria, passargli petrolio per una passatina
> finale leggera. Questa ti permette di dirigere il getto meglio di una
> ***** ad acqua (per andare bene servirebbe una ... matita ad acqua...).
> Per il petrolio c'è da dire:


Puo' andar bene anche il gasolio al posto
del petrolio ?
Antonio 23 Giu 2015 18:53
Il 22/06/2015 10:56, Davide ha scritto:
> Il 21/06/2015 20.42, Antonio ha scritto:
>> dopo averla asciugato con aria, passargli petrolio per una passatina
>> finale leggera. Questa ti permette di dirigere il getto meglio di una
>> ***** ad acqua (per andare bene servirebbe una ... matita ad acqua...).
>> Per il petrolio c'è da dire:
>
>
> Puo' andar bene anche il gasolio al posto
> del petrolio ?

Con il gasolio non ho provato e quindi non so rispondere. Il petrolio
lascia un alone di unto che protegge dall'aria e quindi non fa venire
quegli aloni o li copre. Il gasolio di oggi è diverso da quello che
maneggiavo io una decina di anni fa, occorre provare.
Occhio che stiamo parlando di cospargere, anche se con un velo, il
motore che poi si arroventa di carburanti! E' pur vero che non
prenderebbero fuoco al volo come la benzina ma occorre solida prudenza,
fare il lavoro all'aria aperta, accendere il motore con prudenza e
portarlo piano in temperatura spegnendolo man mano che fuma in modo da
far evaporare tutto piano e in sicurezza, mi raccomando!

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 23 Giu 2015 20:40
Il 23/06/2015 18:53, Antonio ha scritto:
> mi raccomando!
>

Antonio , approfitto per chiederti...

Siccome poi dovro' passare ai freni,
la mia Volkswagen Polo 1.4 9n3 del 2006
ha l'ABS.
Vorrei smontare la centralina abs
per ripulire la scheda elettronica (quando
ho acceso il motore non era alimentata),
ma ho visto che mi tocca staccare tutte le
tubazioni dei freni da tale centralina.

Al rimontaggio della centralina abs,
lo spurgo dell'impianto frenante si esegue
in modo ordinario oppure a causa dell'abs
richiede particolari tecniche e/o strumenti ?
Antonio 23 Giu 2015 21:00
Il 23/06/2015 20:40, Davide ha scritto:
> Il 23/06/2015 18:53, Antonio ha scritto:
>> mi raccomando!
>>
>
> Antonio , approfitto per chiederti...
>
> Siccome poi dovro' passare ai freni,
> la mia Volkswagen Polo 1.4 9n3 del 2006
> ha l'ABS.
> Vorrei smontare la centralina abs
> per ripulire la scheda elettronica (quando
> ho acceso il motore non era alimentata),
> ma ho visto che mi tocca staccare tutte le
> tubazioni dei freni da tale centralina.
>
> Al rimontaggio della centralina abs,
> lo spurgo dell'impianto frenante si esegue
> in modo ordinario oppure a causa dell'abs
> richiede particolari tecniche e/o strumenti ?
>
>
>
>
In teoria dovrebbe funzionare come l'impianto normale perchè a motore
spento deve comunque poter frenare. Puoi provare ad accendere il motore
mentre lo fai per vedere se alle volte a motore acceso apre qualcosa
dentro l'ABS.

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 29 Giu 2015 17:39
Il 23/06/2015 21.00, Antonio ha scritto:
> In teoria dovrebbe funzionare come l'impianto normale perchè a motore
> spento deve comunque poter frenare. Puoi provare ad accendere il motore
> mentre lo fai per vedere se alle volte a motore acceso apre qualcosa
> dentro l'ABS.
>

Antonio, ti chiedo anche un parare sull'airbag.

Faccio male se ripulisco gli airbag e li rimonto ?
Oppure devo considerarli come deteriorati ?

Si corrono rischi in caso di attivazione
precaria dell'airbag ?
Antonio 29 Giu 2015 23:27
Il 29/06/2015 17:39, Davide ha scritto:
> Il 23/06/2015 21.00, Antonio ha scritto:
>> In teoria dovrebbe funzionare come l'impianto normale perchè a motore
>> spento deve comunque poter frenare. Puoi provare ad accendere il motore
>> mentre lo fai per vedere se alle volte a motore acceso apre qualcosa
>> dentro l'ABS.
>>
>
> Antonio, ti chiedo anche un parare sull'airbag.
>
> Faccio male se ripulisco gli airbag e li rimonto ?
> Oppure devo considerarli come deteriorati ?
>
> Si corrono rischi in caso di attivazione
> precaria dell'airbag ?

L'airbag parte con una cartuccia che mi risulta sia simile a quella di
una pistola con tanto di polvere da sparo. Non vorrei dire castronerie
perchè non ne ho mai smontato uno e per fortuna non mi è mai partito.
Penso che se è come so io il fatto di essere rimasta in acqua non ha
fatto bene alla cartuccia. Se dovesse partire a sproposito hai diversi
secondi di marcia senza visuale e se non indossavi la cintura dei
vistosi segni sulla faccia (quando si apre NON è delicato ma ti salva la
vita). Al limite prima di essere di serie non era di serie... ;-)
Il problema c'è più se parte a sproposito che se non parte.

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 30 Giu 2015 08:43
Il 29/06/2015 23.27, Antonio ha scritto:
> Penso che se è come so io il fatto di essere rimasta in acqua non ha
> fatto bene alla cartuccia.

Ma il detonatore cioe' la cartuccia e' asportabile ?
Pensavo fosse dentro al contenitore pressurizzato.

Se cosi' magari asporto la cartuccia per evitare
inneschi.
Antonio 3 Lug 2015 18:58
Il 30/06/2015 08:43, Davide ha scritto:
> Il 29/06/2015 23.27, Antonio ha scritto:
>> Penso che se è come so io il fatto di essere rimasta in acqua non ha
>> fatto bene alla cartuccia.
>
> Ma il detonatore cioe' la cartuccia e' asportabile ?
> Pensavo fosse dentro al contenitore pressurizzato.
>
> Se cosi' magari asporto la cartuccia per evitare
> inneschi.

Qui purtroppo, o per fortuna, non ti posso aiutare perchè non mi è mai
capitato di doverne smontare uno...

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 6 Lug 2015 11:57
Il 20/06/2015 19.36, Davide ha scritto:
> Il 06/06/2015 18:14, Davide ha scritto:
>> Quindi, quando l'auto e' stata sommersa, tali
>> centraline sono annegate in un cocktail di limo
>
> Ho cambiato le centraline e' - MIRACOLO !! -
> il motore si e' acceso !!!!!


L'accensione fu breve e ripetuta tre volte
in breve, per poi rismontare tutto , pulire
tutto e poi rimontare di nuovo.

Data tale brevita' non avevo pero' fatto
caso che il motore era fumoso.

Ieri l'ho acceso stabilmente ma il motore
fa un fumo allucinante!

Le spie EPC e "Anomalia gas di scarico"
sono accese.

Ho pensato alle sonde lambda probabilmente
deterioratesi dalla marmitta piena d'acqua
ma all'accensione tali sonde non sono pienamente
attive poiche' devono riscaldarsi.

Ho ripiegato quindi sul sensore MAP.
Secondo voi potrebbe essere il responsabile
dell'estrema fumosita' allo scarico ?
(rapporto stechiometrico errato per aria
mal misurata dal MAP)
Davide 12 Lug 2015 19:45
Il 06/07/2015 11:57, Davide ha scritto:
> Ieri l'ho acceso stabilmente ma il motore
> fa un fumo allucinante!

Ho scoperto l'arcano.
Se tolgo il catalizzatore e lascio solo il
precatalizzatore, il motore non fa piu' fumo.

Dovrebbe quindi essere il catalizzatore otturato.

Come posso sturare/pulire il catalizzatore ?
Dev'esserci rimasto del fango seccato.

Se riempo il catalizzatore di acqua per
diluire il fango , rischio di danneggiare
i nidi catalizzatori ?
Antonio 20 Lug 2015 20:28
Il 12/07/2015 19:45, Davide ha scritto:
> Il 06/07/2015 11:57, Davide ha scritto:
>> Ieri l'ho acceso stabilmente ma il motore
>> fa un fumo allucinante!
>
> Ho scoperto l'arcano.
> Se tolgo il catalizzatore e lascio solo il
> precatalizzatore, il motore non fa piu' fumo.
>
> Dovrebbe quindi essere il catalizzatore otturato.
>
> Come posso sturare/pulire il catalizzatore ?
> Dev'esserci rimasto del fango seccato.
>
> Se riempo il catalizzatore di acqua per
> diluire il fango , rischio di danneggiare
> i nidi catalizzatori ?
>
Non so se nel frattempo hai risolto.
Dato che nell'acqua e fango è comunque rimasto, che male può fare se lo
pulisci con l'acqua? Io lo terrei a bagno per un po' e poi gli darei di
tubo. Non ad alta pressione che poi si rompe tutto...

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 21 Lug 2015 08:16
Il 20/07/2015 20.28, Antonio ha scritto:
> Non so se nel frattempo hai risolto.
> Dato che nell'acqua e fango è comunque rimasto, che male può fare se lo
> pulisci con l'acqua? Io lo terrei a bagno per un po' e poi gli darei di
> tubo. Non ad alta pressione che poi si rompe tutto...
>

Grazie della risposta Antonio.
Ho fatto come mi hai consigliato ma
forse la catalitica non c'entra (
l'acqua fuoriesce rimpiendola).

Infatti ho notato che staccandola,
il precatalizzatore diventa incandescente !

Allora ho avviato il motore senza collettore
di scarico e ho notato ritorni di fiamma
su ogni scarico.

Ho pensato che il rapporto aria/benzina
potrebbe essere errato probabilmente a causa del
sensore dell'aria (che e' stato sommerso nel
limo per 15 giorni).

Infatti se ricollego il catalizzatore al
precatalizzatore , quest'ultimo non e' piu'
incadescente (per la maggiore massa metallica
connessa) , l'eccesso di benzina non viene
quindi bruciato dal precatalizzatore e me lo
ritrovo come fumo pazzesco all'uscita.

Sbaglio ?
Davide 22 Lug 2015 10:52
Il 21/07/2015 8.16, Davide ha scritto:
> Infatti se ricollego il catalizzatore al
> precatalizzatore , quest'ultimo non e' piu'
> incadescente (per la maggiore massa metallica
> connessa) , l'eccesso di benzina non viene
> quindi bruciato dal precatalizzatore e me lo
> ritrovo come fumo pazzesco all'uscita.
>
> Sbaglio ?
>

Mi sono espresso un po' male, schematizzo :

Attacco catalitica e fa fumo
...credevo fosse attappata...

MA...

io noto precatalizzatore incandenscente
dunque benzina ricca allo scarico
(che viene bruciata dal precatalizzatore
che non fa fumo)


P.S. : se collego il tratto catalizzatore,
il precataliz dissipa il calore e non si surriscalda,
la benzina in eccesso non viene bruciata trovandomela
in uscita come fumo.

La diagnosi e' quindi miscela ricca ?
Antonio 26 Lug 2015 16:40
Il 22/07/2015 10:52, Davide ha scritto:
> Il 21/07/2015 8.16, Davide ha scritto:
>> Infatti se ricollego il catalizzatore al
>> precatalizzatore , quest'ultimo non e' piu'
>> incadescente (per la maggiore massa metallica
>> connessa) , l'eccesso di benzina non viene
>> quindi bruciato dal precatalizzatore e me lo
>> ritrovo come fumo pazzesco all'uscita.
>>
>> Sbaglio ?
>>
>
> Mi sono espresso un po' male, schematizzo :
>
> Attacco catalitica e fa fumo
> ...credevo fosse attappata...
>
> MA...
>
> io noto precatalizzatore incandenscente
> dunque benzina ricca allo scarico
> (che viene bruciata dal precatalizzatore
> che non fa fumo)
>
>
> P.S. : se collego il tratto catalizzatore,
> il precataliz dissipa il calore e non si surriscalda,
> la benzina in eccesso non viene bruciata trovandomela
> in uscita come fumo.
>
> La diagnosi e' quindi miscela ricca ?
>
Che ci siano fiammate all'uscita del collettore di scarico è normale. Va
bene l'elettronica ma non è che la benzina brucia tutta esclusivamente
nel cilindro. Diciamo che rispetto a prima ne brucia "moltissima di più"
però dal collettore se va in aria aperta le fiamme le vedi comunque.
Meno normale è il fatto che la macchina fumi come dici.
Per avere miscela troppo ricca di benzina abbiamo ovviamente che la cosa
è fuori controllo della centralina. Quindi dobbiamo ipotizzare:
- iniettore che "piscia" cioè non chiude bene o per qualche motivo
riceve l'impulso di aprire anche se non deve. Normalmente la centralina
li collega a massa quando li accende e li separa da massa quando li
spegne. Se un cavo perde verso massa hai l'iniettore che "non tiene
bene". Per verificarlo servirebbe un oscilloscopio che verifichi i
segnali che arrivano all'iniettore (sono tre fili, uno è +12V, uno è
massa e uno è il comando. Trovato quello giusto sul primo è facile
trovarlo sugli altri).
- Aria che non arriva a sufficienza, ma il sensore di depressione serve
proprio per questa regolazione, se hai la possibilità di leggerlo lo
vedi al volo che ha qualcosa che non va.
Marmitta che ostruisce l'uscita. Però se fai un'accellerata senti il
motore soffocato e anche qui si dovrebbe capire.
Se arriva troppa benzina però dovresti avere le sonde lambda che
protestano alla grande, anche qui potresti leggerle o trovare gli errori
che segnala la centralina.
Altro al momento non mi viene in mente, se non che la pulizia di tutte
le marmitte richiedano un po' di tempo di "calcinazione" a caldo ma dopo
un paio d'ore se il fumo non tende a smettere comincerei dagli iniettori...

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 26 Lug 2015 17:58
Il 26/07/2015 16:40, Antonio ha scritto:
> è fuori controllo della centralina. Quindi dobbiamo ipotizzare:
> - iniettore che "piscia" cioè non chiude bene o per qualche motivo


Ho controllato gli iniettori uno per uno alimentandoli a 12 volt
e si aprono e chiudono bene.


> - Aria che non arriva a sufficienza, ma il sensore di depressione serve
> proprio per questa regolazione, se hai la possibilità di leggerlo lo
> vedi al volo che ha qualcosa che non va.


Ho cambiato il sensore di depressione ma non e' servito.


> Se arriva troppa benzina però dovresti avere le sonde lambda che
> protestano alla grande, anche qui potresti leggerle o trovare gli errori
> che segnala la centralina.


Ecco... con il software connesso all'auto ho fatto il grafico
delle due sonde lambda.
Quella sul collettore di scarico (cioe' prima del precatalizzatore)
emette un segnale che oscilla tra miscela grassa e miscela magra.

Quella che mi preoccupa e' la seconda sonda lambda dopo il secondo
catalizzatore. Dal grafico vedi che il relativo segnale sta sempre
sotto i 100 millivolt cioe' segna perennemente miscela magra
(ossigeno a valle che non viene bruciato).

Potrebbe essere quella la causa dell'ingrasso a monte ?

Siccome la marmitta e' stata l'ultima cosa che ho svuotato
dopo mesi, ho pensato che la seconda sonda lambda sia rimasta
immersa nell'acqua stagnante. Puo' essersi deteriorata per tale motivo ?
(la prima sonda lambda invece pare funzionare poiche' e' disposta
sul collettore che ha scaricato in verticale l'acqua).



> Altro al momento non mi viene in mente, se non che la pulizia di tutte
> le marmitte richiedano un po' di tempo di "calcinazione" a caldo ma dopo
> un paio d'ore se il fumo non tende a smettere comincerei dagli iniettori...
>

Spero solo che il fumo non sia olio bruciato , ma il fumo non
e' azzurrognolo e la candela non e' unta ma solo fuligginosa.
Antonio 26 Lug 2015 18:43
Il 26/07/2015 17:58, Davide ha scritto:
> Il 26/07/2015 16:40, Antonio ha scritto:
>> è fuori controllo della centralina. Quindi dobbiamo ipotizzare:
>> - iniettore che "piscia" cioè non chiude bene o per qualche motivo
>
>
> Ho controllato gli iniettori uno per uno alimentandoli a 12 volt
> e si aprono e chiudono bene.
>
>
>> - Aria che non arriva a sufficienza, ma il sensore di depressione serve
>> proprio per questa regolazione, se hai la possibilità di leggerlo lo
>> vedi al volo che ha qualcosa che non va.
>
>
> Ho cambiato il sensore di depressione ma non e' servito.
>
>
>> Se arriva troppa benzina però dovresti avere le sonde lambda che
>> protestano alla grande, anche qui potresti leggerle o trovare gli errori
>> che segnala la centralina.
>
>
> Ecco... con il software connesso all'auto ho fatto il grafico
> delle due sonde lambda.
> Quella sul collettore di scarico (cioe' prima del precatalizzatore)
> emette un segnale che oscilla tra miscela grassa e miscela magra.
>
> Quella che mi preoccupa e' la seconda sonda lambda dopo il secondo
> catalizzatore. Dal grafico vedi che il relativo segnale sta sempre
> sotto i 100 millivolt cioe' segna perennemente miscela magra
> (ossigeno a valle che non viene bruciato).
>
> Potrebbe essere quella la causa dell'ingrasso a monte ?
>
> Siccome la marmitta e' stata l'ultima cosa che ho svuotato
> dopo mesi, ho pensato che la seconda sonda lambda sia rimasta
> immersa nell'acqua stagnante. Puo' essersi deteriorata per tale motivo ?
> (la prima sonda lambda invece pare funzionare poiche' e' disposta
> sul collettore che ha scaricato in verticale l'acqua).
>
>
>
>> Altro al momento non mi viene in mente, se non che la pulizia di tutte
>> le marmitte richiedano un po' di tempo di "calcinazione" a caldo ma dopo
>> un paio d'ore se il fumo non tende a smettere comincerei dagli
>> iniettori...
>>
>
> Spero solo che il fumo non sia olio bruciato , ma il fumo non
> e' azzurrognolo e la candela non e' unta ma solo fuligginosa.
>
>
Le lamda dovrebbero essere uguali. Prova ad invertirle.

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it
Davide 26 Lug 2015 20:02
Il 26/07/2015 18:43, Antonio ha scritto:
> Le lamda dovrebbero essere uguali. Prova ad invertirle.
>

Elettricamente sono uguali (emettono tutte e due
un segnale massimo di un 1 volt) ma come schermatura
e connettori sono diverse. Mi spiacerebbe tagliare
i fili per adattarne una.

Secondo te una sonda lambda si puo' deteriorare
stando dentro ad una marmitta piena d'acqua e limo ?

(essendo fatte per resistere a condizioni estreme
io penserei di no , ma magari l'acqua ha
rovinato l'elettrodo di platino depositato
sulla ceramica).
Antonio 26 Lug 2015 23:16
Il 26/07/2015 20:02, Davide ha scritto:
> Il 26/07/2015 18:43, Antonio ha scritto:
>> Le lamda dovrebbero essere uguali. Prova ad invertirle.
>>
>
> Elettricamente sono uguali (emettono tutte e due
> un segnale massimo di un 1 volt) ma come schermatura
> e connettori sono diverse. Mi spiacerebbe tagliare
> i fili per adattarne una.
>
> Secondo te una sonda lambda si puo' deteriorare
> stando dentro ad una marmitta piena d'acqua e limo ?
>
> (essendo fatte per resistere a condizioni estreme
> io penserei di no , ma magari l'acqua ha
> rovinato l'elettrodo di platino depositato
> sulla ceramica).
E ti pareva che non facessero almeno i connettori diversi? A me
piacerebbe poter dire come la penso ai progettisti di motori e a quelli
del marketing delle case automobilistiche...
Comunque le lambda contribuiscono a regolare la quantità di benzina ma
ad arrivare a fumare la vedo dura. Una volta mi è capitato ma era un
iniettore completamente aperto fisso, la macchina andava a tre e fumava
perchè c'era così tanta benzina allo scarico che non riusciva a prendere
fuoco. Comunque si, potrebbe aver avuto problemi, alla fine è un
componente elettronico che è stato sott'acqua...
Verifica nel frattempo se consuma olio. Tutto a posto nel rimontare le
valvole? I paraoli erano buoni?

--
Antonio
http://brunettigiovanni.it (sconti per chi cita questa lettera)
http://ecceteraeccetera.it
http://antoniopellati.it
http://tecnologiadistu*****.it

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Aspetti tecnici e tecnologici dei veicoli | Tutti i gruppi | it.discussioni.motori | Notizie e discussioni motori | Motori Mobile | Servizio di consultazione news.